Prestiti per pensionati Poste Italiane

Sempre più pensionati richiedono dei prestiti per soddisfare delle esigenze della loro vita, per esempio per affrontare un momento di difficoltà economica, per delle spese di salute, per un piccolo investimento. Ecco perché oggi l’offerta di prestiti per i pensionati è molto aumentata rispetto a qualche anno fa e c’è una vasta possibilità di scelta.

Come scegliere i prestiti per pensionati?

Poste Italiane offre valide soluzioni ed alternative pensate appositamente per gli anziani. Per esempio Quinto BancoPosta Pensionati è un prestito tramite cessione del quinto pensato per i pensionati. Si tratta di un prestito personale, non finalizzato e quindi non è necessario specificare perché lo si chiede. Per mezzo della cessione del quinto di Poste Italiane per pensionati, è possibile chiedere un finanziamento e quindi ottenere che al massimo il 20% della pensione netta venga trattenuta ogni mese dall’ente pensionistico e corrisposta direttamente a Poste Italiane.

Per esempio un pensionato di 65 anni che ha 900€ netti di pensione mensili, può avere un prestito di 8.600€, rimborsabile in 60 mesi con un costo di 16€ per il pagamento dell’imposta sostitutiva, con TAN dell’8,92% e con TAEG del 9,38%.

Si tratta di un modo semplice e sicuro per ottenere liquidità, anche se non si ha conto corrente postale. Non solo: Quinto BancoPosta è accessibile anche da cattivi pagatori e da coloro che siano stati protestati. Si tratta di un prestito assicurato per la banca in quanto il pensionato non deve corrispondere personalmente alcuna rata, che viene invece addebitata direttamente sulla pensione. Come abbiamo detto per questo prestito per pensionati, e come sempre nel caso della cessione del quinto, la rata non può superare il 20% dello stipendio netto. Esso può essere rimborsato da 36 a 120 mesi. Poste Italiane non applica nessun costo di commissione ed è anche possibile estinguere anticipatamente il prestito senza per questo incorrere in nessuna penale.

Inoltre bisogna sapere che questa cessione del quinto richiede, obbligatoriamente, la stipula dell’assicurazione sulla vita in caso di morte per coprire il debito in caso di decesso dell’anziano. Il costo dell’assicurazione sulla vita viene calcolato nel prodotto e viene spalmato sulle rate che rimangono da pagare.

L’erogazione del denaro ai pensionati avviene su libretto postale, conto corrente postale o bancario. I documenti che bisogna presentare per ottenere questo prestito sono la carta d’identità in corso di validità, codice fiscale, cedolino della pensione. Solo per gli stranieri è necessario anche permesso di soggiorno ed essere residenti sul territorio italiano da almeno cinque anni.

Ti potrebbe interessare: