Prestiti Inpdap: calcolo e tabelle

Oggi i Piccoli prestiti sono molto diffusi perché sempre più persone richiedono finanziamenti di piccola entità, nell’ordine di qualche migliaio di euro. I piccoli prestiti Inpdap consistono in prestiti pubblici di entità piccola, per affrontare spese che richiedono qualche migliaio di euro.

Di anno in anno l’ex Inpdap, oggi sezione INPS, concede dei piccoli prestiti nei limiti delle disponibilità del bilancio di ogni anno solare.

Quali sono le caratteristiche per poter ottenere i piccoli prestiti Inpdap?

Bisogna essere pensionati della Pubblica Amministrazione, oppure avere un contratto a tempo indeterminato nella Pubblica Amministrazione, ma comunque è possibile anche ottenere il prestito se si ha un contratto a tempo determinato, sempre che la durata del finanziamento non superi quella che manchi alla fine del contratto.

Per cui se il contratto scade dopo un anno dalla data di richiesta del prestito, il prestito non può durare più di un anno.

Sappiamo quindi che i prestiti INPDAP seguono la disponibilità economica dell’ente. Per poter richiedere il prestito è necessario essere iscritti al Fondo Credito, cioè un servizio di gestione delle prestazioni creditizie e sociali, che costa lo 0,35% di trattenuta nella busta paga del dipendente pubblico.

Vediamo ora calcoli e tabelle per i prestiti INPDAP.

Quanto si può ottenere con questo prestito?

Bisogna fare delle differenze giacché sulla questione non c’è molta chiarezza:

  • si può ottenere una mensilità netta di stipendio rimborsando il debito in 12 rate ;
  • si può ottenere due mensilità nette di stipendio rimborsando il debito in 24 rate;
  • si può ottenere tre mensilità nette di stipendio rimborsando il debito in 36 mesi;
  • si può ottenere quattro mensilità nette di stipendio rimborsando il debito in 48 mesi.

Quanto costa il prestito INPDAP?

Il costo è abbastanza interessante, si tratta di un finanziamento agevolato.

Il costo va determinato sulla base del TAN o tasso di interesse nominale, del 4,25% annuo, delle spese amministrative Inpdap che sono dello 0,50% e del premio fondo rischi che dipende dall’età di chi richiede il piccolo prestito e dalla durata del finanziamento.

Come sapere quanto pagare di premio fondo rischio? Ci sono delle apposite tabelle da consultare che permettono di capire quanto verrà a costare questa variabile.

L’INPS, per fare chiarezza, ha disposto questo prontuario che contiene tutte le tabelle necessarie per capire come calcolare la rata e quanto si pagherà per il prestito.

Se invece ti interessa calcolare quanto dovrai pagare di ogni rata, e quindi vuoi sapere il calcolo della rata dei piccoli prestiti Inpdap prima di richiederli, allora devi andare a questa pagina.

Ti potrebbe interessare:

Tag