Come richiedere cessione del quinto Inpdap

La cessione del quinto Inpdap consiste in un tipo di prestito molto valido ed apprezzato soprattutto da parte dei dipendenti pubblici.

In sostanza, questo prestito viene poi rimborsato ‘prendendo’ la rata direttamente dallo stipendio o dalla pensione – quindi alla fonte – e in questo modo è più semplice ottenere il prestito in quanto viene concesso anche a chi non abbia grandi garanzie.

La cessione del quinto Inpdap consiste in un prestito non finalizzato, quindi non è necessario documentare il perché si fa richiesta del prestito.

Il rimborso delle rate avviene ogni mese, con un piano di rimborso che, a seconda della cifra erogata, permette di variare da 24 a 120 mesi al massimo. Come abbiamo detto, la rata della cessione del quinto Inpdap viene prelevata direttamente dalla paga o pensione, ma non può superare un quinto della paga o della pensione totale.

Calcolare la rata in anticipo non è difficile e ci sono anche diversi servizi online che permettono di farlo. Bisogna innanzitutto partire dall’importo netto della pensione togliendo le trattenute fiscali e quelle previdenziali, applicare la divisione di 5 e saprete qual’è la rata massima che potete rimborsare di mese in mese.

Come si chiede la cessione del quinto Inpdap?

Ovviamente prima di poter chiedere questo prestito è necessario sapere se si rispettano o meno alcuni requisiti.

  • Essere dipendenti pubblici o di enti statali o dipendenti para pubblici e pensionati Inpdap.
  • Avere età compresa fra 18 e 64 anni.
  • Essere cittadini italiani.
  • Essere iscritti alla Gestione Unitaria autonoma delle prestazioni creditizie e sociali.
  • Per i lavoratori, aver maturato minimo due mesi di anzianità lavorativa.

Per quanto riguarda il tipo di contratto, la decisione se attivare la cessione del quinto Inpdap dipende dalla decisione delle singole banche. Alcune a seconda dell’importo chiedono solo il contratto a tempo indeterminato, mentre invece altre accettano anche contratti limitati però l’ultima rata deve essere restituita prima della scadenza del contratto.

Quanto denaro si può chiedere con la cessione del quinto Inpdap?

La somma varia a seconda dello stipendio e della durata del prestito. La normativa non pone limiti d’età all’accesso al credito ma ci sono anche alcune condizioni più restrittive che possono riguardare i singoli tipi di contratti.

I tempi per l’erogazione della cessione del quinto Inpdap non sono mai troppo lunghi, ed i tassi di interesse sono senza dubbio molto vantaggiosi.

In genere la decisione e l’erogazione della somma di denaro avviene in un lasso di tempo di una settimana lavorativa, qualche volta ce ne possono volere due o tre. Prima di accedere alla cessione del quinto Inpdap controllate sempre i tassi medi e la soglia di usura.

Ti potrebbe interessare:

Tag